Archivio mensile:marzo 2016

Torre dei Corsari minimalista e in bianco e nero

Torre dei Corsari è un villaggio e una spiaggia della Costa Verde, nella costa occidentale della Sardegna, a sud del Golfo di Oristano. La mappa la trovate qui. In un altro post vi dirò di più di lei. Questo post è dedicato a 14 fotografie delle dune di Is arenas acqua ‘e s’ollastu che collegano/dividono Torre dei Corsari e Pistis. Eccole:

DSCN0689

 

DSCN0692

DSCN0693

DSCN0699

DSCN0691

DSCN0704

DSCN0700

 

DSCN0706

DSCN0707

DSCN0690

DSCN0687

DSCN0684

 

E all’improvviso, il colore:

DSCN0685

DSCN0686

Annunci

Dalla spiaggia del Lazzaretto a Porto Conte. Una escursione.

Se siete dalle parti di Alghero, una bella escursione che potreste fare è questa:

 

Potete partire dalla spiaggia del Lazzaretto, arrivare a Porto Conte e ritorno. In tutto saranno 12-13 chilometri: lunghetta quindi, ma non faticosa.

Si parte dunque dalla spiaggia del Lazzaretto in direzione della omonima torre.

DSC_0152
spiaggia del Lazzaretto

 

Il primo tratto è solo di avvicinamento al vero inizio, Porto Agra. Si cammina in una strada vicinale asfaltata che collega la spiaggia del Lazzaretto a Porto Conte passando per l’interno. Si tratta della strada che percorrerete al ritorno.

Prima di dirigervi perso Porto Agra, potreste voler dare un’occhiata alla Torre. Potete farlo con una piccola diversione, lasciando la strada vicinale asfaltata e scendendo a sinistra per breve un sentiero. L’imbocco del sentiero è segnalato. La videocartolina che segue è presa proprio dalla Torre del Lazzaretto in direzione della omonima spiaggia.

 

La parte più bella dell’escursione comincia a Porto Agra, una pietrosa e rocciosa caletta.

Porto Agra
Porto Agra

 

Qui comincia anche il percorso segnato con gli “omini” e con la vernice blu.

DSC_0108

 

Il sentiero si mantiene sempre molto vicino alla scogliera, corre in un ambiente segnato dal calcare bianco e dalla macchia mediterranea ricca di tutte le sue essenze tipiche: erica, ginepro, lentisco, salsapariglia, cisto marino, e di tante altre che io non conosco.

DSC_0121

 

Ogni tanto ci si affaccia nella scogliera a picco sul mare.

DSC_0114

DSC_0124

DSC_0123

 

L’alta scogliera calcarea termina con la Punta del Giglio, dove sono ancora presenti i resti di una base antiaerea risalente alla Seconda Guerra Mondiale.

Punta del giglio
Punta del giglio

 

Da Punta del Giglio il sentiero corre immerso in una pineta, e il trekking si trasforma in una passeggiata domenicale, quasi una scampagnata.

DSC_0147

DSC_0149
Porto Conte

 

Porto Conte non è niente di che: un grande albergo, una torre aragonese, un porticciolo, seconde case, alcuni dancing. E basta: non un bar, un ristorante, un chiosco. Il mio progetto era quello di camminare leggero e rifocillarmi a Porto Conte prima di intraprendere la via del ritorno: mi sono dovuto tenere fame e sete. Porto Conte decisamente non è un posto amichevole.

DSC_0150
La Torre Nuova (torre aragonese) di Porto Conte
DSC_0151
Il porticciolo di Porto Conte

 

Il ritorno non ha granché da offrire. Superato l’abitato di Maristella si cammina dritti per la vicinale in direzione spiaggia del Lazzaretto. Rendete regolare il passo, rendete morbida la camminata, non lasciate che i pensieri seguano indisturbati il loro corso, concentratevi sul respiro e buona meditazione.

 

P.S. Io l’escursione l’ho fatta il 21 febbraio del 2016. La giornata era tiepida, il cielo un po’ velato.

S’Anea Scoada. Dieci fotografie a colori.

 

S’anea Scoada è la più meridionale delle spiagge del Sinis di San Vero Milis. Al contrario del comune di Cabras, quello di San Vero Milis negli anni Settanta ha lasciato costruire, e molto, lungo le sue coste. Tutte seconde case di locali o al massimo di oristanesi.

 

Il risultato è stranamente contraddittorio. Insediamenti abbastanza modesti, pochissime ville, case spesso al limite del decoroso, urbanizzazione essenziale, strade non asfaltate, poca illuminazione pubblica, servizi essenziali, poche strutture turistiche, pochi flussi turistici. Insomma, di sicuro non una località da tacchi a spillo.

E però spesso mi scopro a pensare che in questo sta la peculiarità del posto. Dipende da ciò che uno cerca, da ciò a cui soprattutto presta attenzione. A quel punto anche le strade polverose diventano belle. Basta andare molto piano con la macchina e non sollevare polvere.

Di seguito dieci immagini della spiaggia, dal primo pomeriggio al tramonto.

DSC_0122
L’ultimo tratto della spiaggia verso sud

 

DSC_0123

 

DSC_0124
La spiaggia e parte del villaggio verso nord

 

DSC_0125
L’incudine

 

DSC_0128

 

DSC_0131
La parte finale della spiaggia e gli inizi della scogliera di Su Tingiosu

 

DSC_0156
Il bianco calcare dipinto di rosa

 

DSC_0158

 

DSC_0160

 

DSC_0163

S’Anea Scoada. Una videocartolina.

S’Anea Scoada è una stretta spiaggia di sabbia finissima aggiunta dalle correnti e dal maestrale alle prime alzate di quella che poi si trasforma nella falesia di Su Tingiosu.

Il 22 agosto del 2015, a S’Anea Scoada, l’imbrunire è arrivato lento e riposante dopo un tramonto che ha sospeso il tempo di un gruppetto selezionato di persone.

Spiaggia del Lazzaretto. Una escursione in barca a vela di cent’anni fa.

Spiaggia del Lazzaretto. Cent’anni fa. Una contessa svedese, un pittore boemo, un loro amico …

Portammo Chytil a fare un ultimo giro in barca, e questa volta andammo ancora più al largo che mai. Adesso, grazie al cielo, non avevamo più restrizioni. Finalmente eravamo di nuovo padroni di noi stessi, potevamo fare ciò che volevamo e andare dove più ci piaceva, senza doverlo notificare a chicchessia o dover chiedere il permesso ai carabinieri. Una gioia incredibile!

Salpammo la mattina presto che era ancora fresco, col mare increspato da graffi di vento, e non tornammo se non dopo mezzanotte. La meta era una spiaggia lontanissima che avevamo visto luccicare nella luce pomeridiana sotto il profilo di montagne azzurre proprio dall’altra parte del golfo; a volte sembrava una striscia bianchissima, altre una vera e propria nuvola di oro rosato. Aveva risvegliato tutti i nostri desideri repressi. Proprio perché era lontana e proibita costituiva una tentazione doppia. Adesso finalmente potevamo esaudire le nostre brame ed esplorare quel territorio sconosciuto e misterioso.

DSC_0153Si stendeva, totalmente deserto, a chilometri e chilometri da qualsiasi abitazione umana, ma c’era un vecchio rudere che dava il nome alla località: il Lazzaretto. Durante alcune epidemie, in passato, era stato usato come ospedale per malati di colera e come stazione di quarantena. Ora il tetto era crollato. Le erbacce avevano spaccato le pareti e stavano coprendo quell’unica traccia di presenza umana.

Tutt’intorno, a perdita d’occhio, non c’era niente tranne che natura selvaggia, vergine e intatta come l’avevano lasciata le mani del Creatore. Mai avevo provato una simile sensazione di primordialità. Qualsiasi altro paesaggio sembra banale e piatto, adulterato e sfruttato, quando lo paragono alla natura della Sardegna e alla sua prospettiva di eternità. E in nessun’altra parte era così conturbante come qua. Ci sentivamo come pigmei, come pulci, come microbi mentre correvamo su quella interminabile spiaggia candida.

DSC_0102Ci spingemmo anche all’interno. I rododendri erano in fiore in diverse sfumature di rosso, e c’erano altri cespugli con fiori gialli dal profumo intenso, di una specie che non avevo mai visto prima. Più ci inoltravamo più era evidente che in quel posto non c’erano mai arrivati né pescatori né cacciatori. Ci imbattemmo in animali selvatici con i loro piccoli, ovviamente molto più incuriositi che spaventati. Stavano lì a lungo a guardarci, prima di decidersi a correre o volare via.

All’improvviso sentimmo dall’alto delle strida acute, e soltanto allora le piccole creature apparvero davvero impaurite. E ne avevano ben donde, perché si trattava di un’intera famiglia di aquile: gli enormi maestosi genitori e tre piccoli ancora goffi ed incerti sulle ali. Andarono avanti con le loro esercitazioni di volo per tutto il giorno, palesemente interessate ai nostri movimenti. Quando ci muovevamo lungo la spiaggia ci accompagnavano dall’alto, e durante le ore di mezzogiorno le loro ombre ci ruotarono intorno sulla sabbia candida. Se ne stavano tra noi e il sole, ora volando basso, ora ad altezza vertiginosa. Ai loro insistenti gridi simili a lamenti rispondeva un coro di gabbiani impauriti, e negli intervalli sentivamo più acuti che mai il silenzio e la solitudine. Eravamo completamente presi e senza parole: le parole erano diventate improvvisamente superflue, davanti a quella sensazione di eternità. Gridando e cantando a squarciagola tentammo di dominare il brivido di panico che ci correva lungo la schiena. La solitudine era tale che ci sembrava di essere i primi esseri viventi su una terra nuova, o gli unici sopravvissuti di una civiltà scomparsa.

DSC_0085

Lungo il bordo del mare, e più lontano dove le onde arrivavano solo durante le alte maree equinoziali, c’erano file di conchiglie di ogni immaginabile forma e colore: conchiglie porpora e azzurre, altre delicate ovali rosa pallido, altre più piccole giallo zafferano e arancione. C’erano anche dei sassi belli e inusitati, alcuni con dentro dei fossili. Ma la cosa più bella di tutte erano i coralli, di ogni forma e dimensione. Non sapevamo che farcene ma non resistemmo alla tentazione di raccoglierne quanti più possibile, facendo a gara a chi trovava il più bello. Eravamo come bambini, o come selvaggi, alle prese con tutti quegli scintillanti tesori, quei giocattoli multicolori.

Chytil si inventò che stava raccogliendo una collana per un’innamorata immaginaria. Vagava intorno mormorando: “Una bella corona, una graziosa corona, una piccola corona per la mia sposa”, così spaventosamente stonato che fummo costretti a tapparci le orecchie. Ma appariva così felice e sognante che disarmati non trovammo il coraggio di interromperlo. Non è improbabile che la sua tenera espressione fosse dovuta, più che al pensiero della bella sconosciuta, alla più attraente e concreta prospettiva del pranzo.

DSC_0088Mentre sguazzavamo nell’acqua, su un fuoco che avevamo acceso con dei legnetti già cuocevano le patate novelle, e sul coperchio della pentola riscaldavano delle zucchine ripiene. C’erano anche prosciutto, fichi, formaggio e un cesto di ciliegie bianche grandi come susine. Nonostante la forte calura di maggio l’appetito era enorme: avevamo necessità di qualcosa di caldo dentro, dopo essere stati a mollo per ore.

Dopo di che ce ne stemmo distesi, mezzo addormentati, all’ombra di una grande roccia, sputando semi di ciliegia sul bordo dell’acqua, finché venne l’ora in cui non era più pericoloso ributtarsi in mare. Malgrado il calore dell’aria l’acqua era fresca e corroborante e meravigliosamente trasparente. Come il pomeriggio avanzava, la cosa diventava sempre più inebriante. La superficie color smeraldo cominciò a muoversi e a lambire la spiaggia con piccoli brevi allegri sospiri.

Era un tale incanto che all’improvviso ci fermammo, tutti e tre colpiti dallo stesso pensiero: perché mai avevamo mosso mari e monti allo scopo di lasciare tutto ciò? Eravamo stati persino pronti a rischiare la vita nel tentativo di scappare. In questo momento magico tutte le preoccupazioni sembravano completamente stupide e assurde. Un dubbio terribile ci si insinuò nella mente: avremmo mai più avuto, in vita nostra, l’opportunità di vivere in un’Arcadia come questa, dove tutto sotto il sole era gioia istintiva?

DSC_0084Adesso che eravamo liberi e senza più restrizioni, le ombre erano di colpo svanite. Svaniti tutti i piccoli fastidi, le vessazioni e le privazioni che ci avevano tribolato per tanto tempo. Non ricordavamo più neppure la disperazione da cui in parecchi momenti eravamo stati sopraffatti. Tutto ciò che fino a poco prima ci era parso significativo diventava di colpo totalmente privo di importanza: persino la realtà della guerra impallidì per un attimo riducendosi a un’inutile malvagità che non ci riguardava. Molto più reali sentivamo le aquile nel cielo sopra di noi. Con le orecchie aperte al loro messaggio sentivamo che la vera libertà era qua con loro, non in mezzo alla baraonda degli esseri umani. All’improvviso la Sardegna ci apparve in una luce nuova e più nitida, e ci rattristò l’idea di lasciare questo paradiso terrestre.

Ma l’angelo con la spada di fuoco che ci cacciò fu la nostra inarrestabile voglia di fare, che non ci permetteva di starcene a oziare in quella tranquilla oasi di pace. Con un certo senso di colpa ci strappammo alla maliarda influenza della natura per rituffarci nell’impietoso mondo della realtà. Gli uomini non tardarono a tornare all’unico interrogativo in quei giorni universalmente ritenuto di fondamentale importanza per tutta l’umanità. Durante il viaggio di ritorno non fecero che parlare di guerra e di rivoluzione, discutendo per la milionesima volta ogni possibile eventualità. Solo io, per una volta, mi rifiutai e non mi unii a loro. Mi accusarono di “tiepida neutralità” quando mi sentirono mormorare: “Oh Freunde, nicht diese Töne, lasst uns angenehmene anstimmen und freudenvollere… seid umschlungen Millionen, dieser Kuss der ganzen Welt” [“Oh amici, niente toni del genere, lasciateci tranquilli e spensierati… abbracciatevi a milioni, questo è il bacio del mondo intero” sono versi dell’Inno alla gioia di Friedrich Schiller. N.d.T.].

Ma non ero in vena di litigare. Appoggiata al bordo guardavo giù nelle profondità. Pensavo al nuovo periodo della vita in cui stavamo per imbarcarci e mi sembrava che non solo il nostro futuro, ma anche quello di tutta l’umanità, fossero scuri come il mare sotto di me, altrettanto misteriosi e insondabili. Guardavo nell’abisso tentando inutilmente di discernere cosa vi si celasse. Di tanto in tanto vi si rifletteva una stella, tremolante e ingigantita, ma non faceva a tempo a comparire che un’onda la spazzava via. Comparivano altre stelle, ma solo per essere spazzate via da altre onde. Non c’era niente su cui fissare lo sguardo, niente eccetto il mutamento. Niente restava fermo. Era questa la risposta ai miei interrogativi inespressi, una risposta che saliva dalle profondità del mare notturno? Forse non esisteva una meta, era tutto un correre e rincorrersi?

DSC_0154

Le risposte degli oracoli, generalmente, sono oscure. Allora lo capivo meno di quanto, in tutta umiltà, non lo capisca adesso, a distanza di quindici anni. A quel tempo non mi ero ancora resa conto che, anche se le onde sono sempre nuove e diverse, le stelle rimangono eternamente le stesse, per quanto incerto e distorto sia il loro riflesso.

Tratto da Amelie Posse, Interludio di Sardegna, Stoccolma, 1931

Protagonisti

Amelie Posse, contessa svedese, a Roma nel 1915. Sposata col pittore ceco Oskar (Oki) Bradza, all’entrata in guerra dell’Italia seguì il marito che era stato confinato ad Alghero (la Boemia in quel periodo faceva parte dell’Impero austriaco). Notizie e alcune immagini qui.

Oskar (Oki) Brádza, pittore e artista ceco. In Italia nel 1915 per motivi di studio, all’entrata in guerra dell’Italia contro l’Austria fu confinato ad Alghero, nonostante il suo attivismo nel neonato movimento nazionalista ceco.

Chytil, amico dei due.

La spiaggia del Lazzaretto e il suo entroterra.