Punta del Giglio. La caserma.

A Punta del Giglio, a metà strada del trekking che dalla spiaggia del Lazzaretto vi porta a Porto Conte (vedi il post dedicato alla passeggiata), ci sono i resti di una vecchia postazione militare della Seconda Guerra Mondiale. Lì, Italiani e Tedeschi aspettavano al varco un ipotetico sbarco alleato. Sbarco che non ci fu. Insomma, una sorta di avamposto nel deserto dei Tartari (ricordate Buzzati?), in cui un manipolo di soldati attendeva al varco un nemico che non si farà mai vedere.

DSC_0125

 

I resti comprendono un edificio e una serie di piattaforme, casematte, depositi munizioni, tutto in blocchi di calcare bianco della zona a scopo di mimetismo. Nell’edificio principale e meglio conservato, sulle sue pareti, una serie di scritte e messaggi.

Messaggi politici in cui ancora si combatte la vecchia guerra ideologica:

DSC_0128

 

Vecchi messaggi del duce frammisti a messaggi più recenti

DSC_0140
“Quando tuona il cannone è veramente la voce della patria che chiama”

 

In quest’altro caso il messaggio è accompagnato dal disegno di una corazzata, una di quelle che i militari attendevano al varco

DSC_0143
“Vincere! e vinceremo”

 

Alla vecchia parola d’ordine se ne sovrappongono altre più recenti, di opposto tenore, che attualizzano la lotta ideologica che si è intrecciata alla guerra per il dominio mondiale che si è svolta una settantina d’anni fa.

DSC_0142
“Coglioni neri” “(No al) Potere Operaio” “Lotta di Classe” con relativa Falce e Martello

 

Talvolta i messaggi politici (“W IL POTERE degli OPERAI”, dove si vede come le preposizioni articolate ti risolvono a volte problemi nati da un calcolo sbagliato sullo spazio a disposizione) si intrecciano a scritte enigmatico-filosofico-esistenziali (LA VITTA (eh sì, LA VITTA) ABBIAMO PRESO UNA STRADA E SIAMO FINITI IN UN LABIRINTO. QUI INIZIA IL GIOCO)

DSC_0141

 

Ma come al solito, i messaggi più numerosi sono quelli d’amore. Roberto e Susanna sono i più attivi:

DSC_0131

DSC_0134

DSC_0138

 

Poi ci sono Fra’ e Ca’ …

DSC_0136

 

… e Francesco, che evidentemente è (o era) di importanza vitale per qualcuna (o qualcuno).

DSC_0137

 

Ci sono, infine, un graffito di un certo impegno …

DSC_0133

 

… e un ultimo stringato “senza se e senza ma” inno alla vita

DSC_0135

 

Non ci sono messaggi o disegni pornografici.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...